La Storia di Paola: una relazione clandestina che fa male.

Buongiorno sono Paola, mamma di un bimbo di 5 anni e moglie.
Da un po’ di tempo ho iniziato a seguire diversi concerti di una band, ed ho avuto modo di conoscerne i componenti ed il cantante stesso. Dopo diversi concerti, una sera vedendo un componente della band andare via con una fan mi è venuto un colpo al cuore, nemmeno io ho capito il perché, so solo che ci sono rimasta male…
Dopo qualche tempo io e questo musicista iniziamo a scriverci su Messenger, e dopo un concerto ci siamo scambiati i numeri di telefono, dopo tanti messaggi dove già si capiva che ci piacevamo. Successivamente dopo un concerto ci incontriamo ed iniziamo a baciarci e desiderarci, dando il via alla nostra relazione clandestina (lui mi dice: “ho una famiglia solida”) . Read more

La Storia di Monica: puoi smettere per me?

Eccomi qui.

Sono una ragazza di 23 anni e mi ritrovo dopo quasi due anni di relazione a chiedermi se ne vale la pena o se sto perdendo tempo facendomi del male.
Quando lo conobbi, e iniziammo a frequentarci seriamente, misi in chiaro chi ero e quali fossero le mie intenzioni future. Sembrava avesse fatto lo stesso anche lui, ma una settimana fa mi è crollato il mondo addosso con tutte le mie certezze su questa relazione. Lui purtroppo ha una dipendenza da cannabis che lo ha portato a mettere a rischio tutta la relazione pur di nascondermelo.

Io non volevo e lui mi ha mentito. Viviamo insieme già da un po’ e di sera aspettava che dormissi per fumare, cosi io ero convinta che avesse smesso un anno fa, poco dopo l’inizio della nostra storia e la mia richiesta di smettere.

Read more

La Storia di Anita: una logorante indecisione

La mia storia… sposata, senza figliCirca un anno fa incontro una persona che mi coinvolge… cedo e iniziamo a sentirci, poi qualche breve incontro e baci… All’inizio mi sento quasi motivata a comportarmi così… perché credo che mio marito se lo meritasse… perché mi mancava qualcosa… difatti alimento le distanze tra me e lui…

L’altro mi fa stare bene…

Read more

La Storia di Marika: Attaccamento (buddista) e Amore, si può crescere spiritualmente amando?

Mi chiamo Marika e sento arrivato il momento di raccontare la mia storia.

Da molti di anni ho dato come priorità nella mia vita la crescita spirituale e il servizio.

Tre anni fa, in un monastero buddista, ho conosciuto un ragazzo con cui é nata una profonda connessione. Tuttavia ero molto concentrata nello stare nel monastero per praticare la meditazione e mi veniva difficile dargli spazio. Però acconsentii ad aprirmi accettando di parlare con lui telefonicamente e l’idea di incontrarci.

Continuavo a ripetergli di non focalizzare il suo amore solo su di me, ma di estenderlo anche agli altri.

Inoltre, ciò che sentivo era che non vi era differenza tra l’amore che sentivo per lui e quello che sentivo per gli altri.

Ho sempre faticato nelle relazioni, una parte di me non si lasciava andare e si sentiva chiamata verso altro. Ma mi son sempre chiesta se fosse per un cattivo condizionamento o perché davvero la relazione non fa per me. Questo dubbio, e il sentire qualcosa per qualcuno,  mi spinge a provarci, nonostante non voglia una famiglia.
Decidemmo di vederci, ma dopo aver fissato l’appuntamento ebbi come una sorta di tensione, mi sentivo sotto pressione e come se lui si aspettasse qualcosa da me. Inoltre ero davvero coinvolta nella vita del monastero.

Nel comunicarlo a lui ci fu una reazione che generò una serie di reazioni a catena, sino a decidere di lasciare andare. Tuttavia, dopo qualche giorno e realizzando la mia paura, decisi di partire. Lo comunicai a lui. Ma preso dalle sue paure a sua volta, decise di non venire.
Cancellai tutto e archiviai la storia.
Ma la sua presenza dentro di me non svanì.

Passo un anno e casualmente ci rincontrammo nel monastero.

Read more

La Storia di Marianna: Il dolore di una relazione (in)finita

Buongiorno a chi mi leggerà,
se ho trovato il coraggio di riferire la mia storia è perché sono veramente disperata e non so come superare la situazione che sto vivendo attualmente.

Ho vissuto una storia di quasi cinque anni con un uomo di 43 anni (4 anni più grande di me) che mi ha fatta innamorare pazzamente e soffrire tantissimo. In cinque anni mi ha lasciata 4 volte, la prima dopo sette mesi, di punto in bianco, via telefono e non facendosi sentire per alcuni giorni prima di comunicarmi la sua decisione… sono rimasta talmente scioccata che ho perso 3 kg in 3 gg, piangevo solo e non volevo alzarmi dal letto. Read more

La Storia di Diego: gelosia e distanze

Ciao, è la prima volta che cerco su internet spiegazioni sui miei comportamenti o della coppia. Però sono in leggera difficoltà quindi volevo sottoporvi la mia questione.

Sono separato da 1 anno e mezzo con un figlio di 9 anni che vive con me al 50%. Non ho mai tradito nessuno, nemmeno la mia ex. 

Questa estate, finalmente, dopo una separazione travagliata ho iniziato a uscire con alcune ragazze conosciute su un sito di incontri. Questo sito è pieno di gente sola e con problemi e lì ho conosciuto la mia attuale ragazza. Read more

La Storia di Caterina: confusa tra due uomini così diversi

Ciao a tutti.
Sto vivendo da circa un anno un profondo sconforto dovuto alla fine della mia relazione.
Convivevo, una persona fantastica che mi ha davvero fatto comprendere cosa significa stare insieme; profonda sintonia, profonda alchimia intellettuale e profondo senso di protezione… mancava però l’attrazione fisica da parte mia; per anni mi son detta che non sarebbe stato fondamentale, che il suo essere cosi’ amorevole avrebbe cancellato anche quei difetti fisici che mi portavano a guardarlo con occhi critici anche a letto… Il sesso con lui era un compito, un dovere e sono alle volte un piacere. Fino a quando, incontro un ragazzo in mensa aziendale, che senza mai parlarmi ma semplicemente rivolgendomi uno sguardo, mi accende la passione.

Read more

La Storia di Isabelle: da quando conviviamo mi sento in gabbia

Ciao, mi chiamo Isabelle e ho 29 anni, da 6 sto con il mio ragazzo e da un anno e mezzo convivo nella casa che abbiamo acquistato a metà (frutto di tanti sacrifici sia nostri che dei nostri genitori).

Il mio ragazzo è una brava persona, un lavoratore, stiamo bene insieme, ma da quando conviviamo non è più la stessa cosa…. Forse ho fatto il passo più lungo della gamba o forse mi credevo più matura di quanto in realtà non sia. Fatto sta che la vita di casa ha iniziato a pesarmi fin da subito, ho quindi iniziato a cercarmi e crearmi spazi di libertà sempre più spesso (uscite con le amiche, con i colleghi ecc) che mi facevano stare bene anche se poi tornavo a casa e mi sembrava di vivere in gabbia.

Read more

La Storia di Tiziana: perché non riesco ad andare avanti?

Buongiorno,

negli ultimi mesi sono finita diverse volte sul vostro sito in cerca di conforto. L’ultimo articolo sul liberarsi del peso dell’ex mi porta a scrivere la mia storia.
La mia era una storia lunga oltre 8 anni, ci eravamo messi insieme io a 22 e lui 25 anni. Tra alti e bassi siamo stati felici per un bel po’. Io ero l’artista con un sacco di interessi lui invece l’ingegnere. Ho sempre avuto la sensazione di essere io quella forte dei due, quella che dava spunti, dettava gusti, organizzava tutto. Per un po’ mi è piaciuto, anche se gli ho sempre rimproverato il fatto che spesso mi faceva sentire più una madre che una fidanzata … andiamo a convivere e stiamo bene insieme 3 anni.

Read more

La Storia di Angela : Il Coraggio di Scegliere

Gentili Dottori,

mi chiamo Angela. Ho 24 anni e vorrei avere un vostro parere sulla mia situazione sentimentale. Sono fidanzata da quando avevo 16 anni, da un anno convivo e l’anno  prossimo dovrei sposarmi. Da circa tre mesi però sono in completa crisi, inizialmente ho iniziato ad avere paura del matrimonio del “per sempre”, mi sono spaventata, mi sono fatta un sacco di domande perché credevo di non riuscire a mantenere la promessa. Passata questa fase ho iniziato a chiedermi perché ho avuto queste paure, quindi mi sono messa ad analizzare la mia vita, il lavoro, la
casa, la famiglia e l’amore. Read more

« Older Entries