La Storia di Loris: “Non riesco più a vederla con gli stessi occhi”

Salve ho un problema… Mi chiamo Loris ho 24 anni e da un anno sono fidanzato con una ragazza di 22. Premesso che quando l’ho conosciuta arrivavo da un periodo dove non volevo avere una donna al mio fianco. Mi sono divertito e ho avuto molte esperienze. Ho capito di amarla dal momento che mi ha fatto cambiare letteralmente idea sulla vita. E’ fantastica mi rispetta mi ama con tutta se stessa lo si legge nei suoi occhi dolci. Anche io la amo profondamente ma un giorno dopo aver saputo le sue esperienze passate (che all’inizio mi ha tenuto nascosto perché diceva che aveva paura che la mia idea su di lei cambiasse) mi aveva detto che era stata solo con 4 uomini poi dopo una serie di domande insistenti mi ha detto la verità ed e stata con 13 uomini!!! Mi ha detto che ha passato un brutto periodo e che cercava amore in qualche modo….ha conosciuto me e mi ha detto che sono quello che ha sempre desiderato e che se mi ha mentito e per il semplice motivo che aveva paura del mio giudizio… il problema è che non so cosa fare lotto tutti i giorni contro questi fantasmi ma non riesco a mandarla giù… sono più freddo e mi sento bloccato in quasi tutto quello che facciamo… non so cosa fare vi sarei grato se nelle vostre risposte mi faceste ritrovare la serenità… Vi ringrazio in anticipo

Ti ritrovi nella storia di Loris? Hai attraversato qualcosa di simile? Commenta o condividi la tua esperienza all’indirizzo levostrestorie@amaresano.com

Se ti è piaciuto quello che hai letto, condividilo sui tuoi Social Network
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares

One comment

  • Avatar

    Leggendo la Storia di Loris, mi viene da andare per passi lenti. Prima di tutto comprendiamo cosa ci fa star male. Il fatto che una ragazza che amiamo e in cui abbiamo fiducia ci dica di averci mentito o il fatto che la menzogna riguarda il suo aver avuti rapporti con altri uomini? Lo dico perché a mettere tutto insieme si rischia di fare confusione. Ma prima di addentrarci nella confusione, che non possiamo non attraversare se vogliamo poi star meglio, iniziamo dai fatti chiari. Due ragazzi giovani, dopo esperienze faticose e non sempre piacevoli, decidono di star insieme, si amano. Potrebbe essere il riassunto della storia che abbiamo letta? Sembrerebbe di sì. E potrebbero anche amarsi di più, se non fosse per queste due ombre. Ma a volte anche le ombre hanno un loro motivo di essere. Ma affrontiamole una per una.

    La prima. La confessione di una menzogna. “Non ti ho detta la verità perché avevo paura” dice la sua ragazza. Come mai questa paura? Possiamo pensare che ora la relazione sia più forte e la ragazza, prima insicura, abbia sentito di poter raccontare questi particolari della sua vita? Quando si arriva da esperienze delicate, non è immediato poter avere fede nel supporto che l’altro potrà darci. La ragazza ha aspettato e quando è stata pronta ( e ha creduto che Loris lo fosse) ha detto la verità. Possiamo accettare che non si sia presentata esattamente com’era ma abbia cercato di farsi apprezzare facendo vedere quello che si voleva vedere? Adesso, in silenzio, proviamo a chiederci se, noi per primi, non abbiamo mai cercato di forzare la mano al destino, mostrandoci migliori, certamente, perché ci si ritenesse degni di amore. Ma la cosa fantastica, è scoprirsi degni di amore anche nella propria imperfezione. Questo dovrebbe insegnare lo stare in coppia, ad essere accettati anche se non si è perfetti ma per quello che si è. Inoltre, il racconto fatto degli uomini precedenti, sembra una possibilità data a Loris per accettare la sua compagna per quello che è e, per la ragazza, un’occasione di affidarsi a lui del tutto, non per dire quanto fosse bello il passato, ma per dire come è bello quello che stanno iniziando a costruire insieme. Mi viene da chiedere, come ci fa sentire sapere che la relazione sta diventando matura? Che emozioni fa nascere?
    E veniamo, quindi, alla materia della menzogna, o mezza verità, raccontata.
    Parliamo delle storie precedenti. Storie che la ragazza non racconta come fantastiche, ma come tentativi di cercare amore (chiaramente non andati a buon fine) e che fanno nascere in Loris l’incertezza. Il passato dell’altro/a ha sempre un sapore strano e a tratti spaventoso, mette molta insicurezza sapere che l’altra parte della coppia possa aver avute migliori e più numerose esperienze, specie in campo sessuale. Ma proviamo a chiederci se non sia la nostra insicurezza a farci star male e se non possa essere proprio la partner ad aiutarci a superare questa incertezza. Chiaramente, in una coppia, anche giovane, si avrà sempre a che fare con un passato. Una storia d’amore matura e sana deve saper accettare che ognuno ha degli spazi suoi, un passato, felice o infelice che sia stato, senza che questo renda insicuri. Il passato, ormai andato, non è una minaccia per la nuova storia se non si è troppo spaventati da dipingerlo come un nemico. Da una parte abbiamo però le sue insicurezze Loris, che vorrei provasse a riflettere sul peso delle sue esperienze sessuali. Cioè, il fatto che la ragazza abbia avute esperienze diverse, come lo rende rispetto alla loro intimità? Cosa lo ferisce del passato della sua ragazza? Aveva un’immagine diversa di quello che sarebbe dovuta essere? Eppure l’amore che dice di leggerle negli “occhi dolci”, dovrebbe poter rassicurare più di mille parole scritte in un blog. Ma comprendo la sofferenza che racconta questa lettera. Solo credo sia necessario, invece di scappare, affrontare i fantasmi di cui Loris ci parla, chiedergli da dove vengono, se non sono in parte nascosti nella sua stessa insicurezza. Se fosse possibile, sarebbe bene incominciare a immaginarli per bene, come sono fatti questi fantasmi? Cosa raccontano? Sarebbe il caso di invitarli a prendere un caffè e accompagnarli poi alla porta una volta per tutte, sempre che non se ne abbia bisogno. Sembrerebbe uno scherzo ma sono molto seria. Per questo chiederei a Loris di non fuggire ma di invitare i fantasmi che stanno rovinando la sua bella storia a raccontare come pensano di mettergli paura. Chiedendo, perchè no, anche agli occhi della sua ragazza di dagli una mano in questa delicata operazione.

    Mi auguro che Loris riesca a vivere con serenità quella che sembrerebbe l’inizio di una bella e sana storia d’amore, pur con le incertezze e le piccole paure che accompagnano le coppie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *